HANDFASTING: Rituale di Nozze Pagano


Cari lettori,

Oggi nella giornata di San Valentino, voglio proprio parlarvi della Cerimonia Pagana.


L' Handfasting, che vuol dire legatura delle mani è il tipico rituale usato nel matrimonio pagano.  

Un vero e proprio rituale dove, secondo il sentire dei due amati, possono anche utilizzare candele, incensi, oli essenziali e altre pratiche antiche. 

Molti dicono che l'handfasting è una pratica dal neo-paganesimo ma niente di più sbagliato.  

Il Paganesimo, forse, è uno dei più antichi culti conosciuti dall'umano, quindi niente di nuovo. 

L'handfasting rappresenta l'unione fisica ma soprattutto spirituale dei due amati.  

In questa magica cerimonia le mani dei futuri sposi vengono legate con nastri di raso e corde colorate per simboleggiare il loro amore. 

Sono uno strumento magico caricato dalla coppia che rappresenta l'unione dell'anima e dunque nel successivo ciclo di reincarnazione, i due dovrebbero incontrarsi nuovamente e ricongiungersi.


Questo rituale di Nozze viene celebrato solitamente in mezzo alla natura, in armonia con i ritmi e gli elementi terrestri. 

Il centro della cerimonia e del rituale di unione è caratterizzato dalla costruzione di un cerchio di celebranti, solitamente quattro celebranti che incarnano l’essenza degli elementi: aria, fuoco, acqua e terra e che onorano gli sposi con una benedizione degli elementi; una o due celebranti che officiano il rito di matrimonio e volendo, altre quattro celebranti che incarnano gli archetipi delle quattro fasi della vita.

Durante la cerimonia avviene lo scambio delle fedi infatti, l’anello, di forma circolare, ricorda simbolicamente l’anno solare e il suo eterno ciclo stagionale. Non a caso il termine anulare (da latino annus, ovvero anno) indica il dito su cui va infilato l’anello. La fede è quindi considerata lo strumento per l’unione eterna.

Infine, dopo la cerimonia è tradizione che gli sposi facciano il salto della scopa.  

Si danno molti significati a questo salto della scopa, il primo di questi è la capacità della scopa di spazzare via la sporcizia e, di conseguenza per astrazione, il male e le negatività così come tutto ciò che c’è di vecchio, stagnante. 

La scopa infatti, nasce come strumento di pulizia, indispensabile per purificare i luoghi di culto.  Un altro simbolismo è quello del salto, infatti gli sposi fanno un grande atto di coraggio “lanciandosi” in questa nuova avventura che è un salto nell’ignoto. 

In alcune cerimonie gli sposi saltano prima su un fuoco e poi sulla scopa

(il fuoco ha il potere di purificare e rappresenta anche la passione e di conseguenza la fertilità). Proprio la fertilità è un altro simbolo legato al salto della scopa. 

Questo strumento, considerato magico dalle tradizioni stregonesche, ha una chiara forma fallica e come tutti gli oggetti allungati propizia la fertilità e preannuncia l’arrivo di una numerosa prole, cosa che agli antichi stava particolarmente a cuore. 

Il Paganesimo è totalmente aperto all'amore, per cui l’handfasting contempla anche l’unione di due persone dello stesso sesso senza fare distinzioni perché l'importanza viene data al sentimento d'amore e alle motivazioni che legano la coppia. 

Il motivo per cui due persone decidono di fare lo scambio delle loro promesse attraverso questo modo così romantico, antico, magico e soprattutto potente  riguarda il profondo significato del rito in sé, fondato su valori quali il rispetto reciproco, amarsi con sincerità, la pace, la serenità, la sorellanza e fratellanza e la coscienza spirituale; un modo di affrontare le proprie nozze con una maggiore consapevolezza dell'importanza del passo che si sta per compiere. 


Giada Aghi 

Naturopata - Ipnotista - Op. Esoterica e Master Reiki. 

www.naturopatiakundalini.com 


È vietata la copia dei testi senza citarne la fonte (link) o previo consenso dell’autore.  


  • Black Icon Instagram
  • Black Icon YouTube
  • Black Facebook Icon